I nostri eventi

Corsi e manifestazioni organizzati presso il nostro centro. » Clicca per entrare

Segnalato da dogsitter.it

Perché educare il cane?

Educare o addestrare?


Molto spesso si pensa che un cane educato sia un cane che sa eseguire determinate performance per esempio sa fare un seduto, un terra, un resta, sa camminare al piede ecc. Possiamo avere un cane super “addestrato” che all’interno di un campo d’addestramento è in grado di eseguire gli esercizi più disparati ma che invece nella vita quotidiana è poco gestibile, magari tira al guinzaglio, abbaia quando vede altri cani, rincorre i gatti, non sa salire in auto, è assertivo verso le persone…per citare solo alcuni esempi.

C’è un’ enorme differenza tra addestramento ed educazione.
L’addestramento è principalmente indirizzato a inibire, controllare e standardizzare, in pratica insegnare al cane ad eseguire dei comandi come fosse una sorta di robot, attraverso il metodo dello stimolo/risposta.


L’educazione va ben oltre.
Un cane educato è un soggetto in grado di essere perfettamente integrato nel mondo, è un cane che non ha bisogno di sentirsi dire cosa deve fare in una certa situazione, ma è talmente “allineato” con il suo proprietario che sa adeguarsi al contesto in qualsiasi momento.
Un cane insomma con cui possiamo liberamente andare in passeggiata senza farci trascinare, che non tira e abbaia verso altri cani… un cane che può essere lasciato libero di correre al parco insieme ad altri cani ma che torna quando viene richiamato… un cane con cui possiamo andare a berci un caffè o andare al ristorante senza creare noie agli altri…

Utopia? No, educazione.
Educare vuol dire impostare lo sviluppo del soggetto costruendo un buon carattere; è un processo che deve avere inizio a partire da quando il cucciolo viene adottato nella nuova famiglia.

Molte persone pensano che l’educazione del cane non sia importante e non sanno che nei primi mesi di vita è fondamentale che il cucciolo abbia modo di sviluppare una buona socializzazione primaria e secondaria, cioè con i suoi simili e con gli eterospecifici oltre che ambientale, per essere ben integrato nel mondo.
Impostando l’educazione a partire dai 2 mesi di vita è un ottimo modo per prevenire problemi comportamentali e di gestione dell’animale.
I primi educatori del proprio cane sono i proprietari.
Gli educatori cinofili si impegnano a “educare” il proprietario, a stabilire una corretta relazione all’interno del binomio uomo-cane.